Il primo servizio di clown ospedalieri in Italia

Benvenuti sul sito di Soccorso Clown

19 anni con i bambini e con le famiglie
a fianco dello staff ospedaliero!

Soccorso Clown Onlus è l’organismo ideatore e pioniere di una nuova figura professionale (i clown ospedalieri) che riunisce e sintetizza in sé le professionalità degli operatori del circo e del teatro. Viene in tal modo a originarsi, tra l’altro, anche una nuova forma di spettacolo adatta ad affrontare e trasformare la realtà ospedaliera.

I professionisti di Soccorso Clown non sono volontari: sono attori versatili e pluri-specializzati, provenienti per formazione dai più diversi ambiti dello spettacolo che si addestrano appositamente ad acquisire tecniche mediante le quali sdrammatizzare, all’occorrenza, i piccoli e i grandi drammi della vita dei piccoli pazienti.

Cosa c’è di nuovo?

Il 17 e 18 ottobre presso l’Azienda Ospedaliero-Universitaria Meyer di Firenze avrà luogo il 1° convegno internazionale sulla Clown Terapia.

Sarà un’interessante occasione di confronto, dialogo e discussione tra ricercatori e formatori del clowing ospedaliero; un modo per fare tesoro delle numerose esperienze che ogni giorno vengono acquisite dalle numerose organizzazioni di Clown Ospedalieri sorte in tutto il mondo.

continua a leggere…

Per la seconda volta, Soccorso Clown Onlus sarà presente al Florence Creativity, l’evento che raduna tutti gli appassionati della creazione creativa. Un grande appuntamento per chi non sa stare con le mani in mano, con la possibilità di partecipare a numerosi laboratori e ammirare variegate esposizioni, dal cake design al decoupage al cucito creativo alla pittura e tanto altro.

continua a leggere…

DSC_0215

[...] Ho visto M., un ragazzino di dieci anni, completamente sprofondato nel letto quando il Dott. Fresco è entrato con le sue bolle di sapone, mettersi a sedere per godersi meglio lo spettacolo e salutarlo con entrambe le mani quando è uscito.

continua a leggere…

Perche

di Elena Garufi in arte Dott.ssa Perchè.

“Essere felici per essere andati in un ospedale! Che strana sensazione…” pensavo stamani alla fine del mio turno, mentre passeggiavo lungo il Tevere. Ma non felice perchè sono stata dimessa dall’ospedale, badate bene, felice di essere andata nuovamente a gironzolare per le stanze di un reparto del Bambino Gesù, nelle vesti della Dott. Perchè.

continua a leggere…

Perche

Seconda parte

Oggi ho parlato più del solito con i dottori. Una cosa che mi ha fatto riflettere è stata la risposta che spesso ci danno alle domande iniziali di routine (per sapere gli accorgimenti speciali per entrare nelle stanze), ci viene detto “Si lì potete entrare ma magari non serve, è molto piccolo” o “… è un ritardo molto grave…”.

continua a leggere…