Archivi per autore

Stelvio Challenge 2019 – II° Comunicato stampa

“Yes we Can…cano!”. E’ il motto coniato da Ton Van der Veer fondatore della Pim Foundation Olandese che il 6 settembre scorso insieme a Yury Olshansky e Caterina Turi di Soccorso Clown, l’olandese Cladding Partners e oltre 220 appassionati delle due ruote, tra loro direttamente dal Canada Ed Weiss e Paul Schiratti, sulle affascinanti montagne dell’Alta Valtellina hanno dato vita alla gara ciclistica solidale internazionale Stelvio Challenge che quest’anno si è svolta su un percorso differente: i 13 km dei tornanti della strada che porta ai laghi di Cancano, nel cuore del Parco nazionale dello Stelvio, sotto le suggestive Torri di Fraele in Comune di Valdidentro, a causa delle avverse condizioni meteo che hanno precluso l’accesso ai tornanti dello Stelvio, palcoscenico di tutte le precedenti edizioni. E così la sfida è stata doppia, eccezionale, tutti hanno fatto la gara con tanta gioia e altrettanti gli obiettivi raggiunti da chi ha conquistato ogni metro del tracciato per poter regalare sorrisi ai bambini in ospedale. Infatti, Soccorso Clown ha raccolto 12.900 euro incluse le donazioni tramite Rete del Dono, attivate anche dal nostro testimonial Andrea De Meo, che da cinque anni partecipa allo Stelvio Challenge per Soccorso Clown, mentre Cladding Partners ha potuto acquistare due pulmini per i bambini con difficoltà. Così de Meo. “Sono qui anche quest’anno; ho scelto di diventare fundraiser per Soccorso Clown perché ho pensato che scalare lo Stelvio, quest’anno Cancano, è un piacere, ma farlo coinvolgendo tanti amici nel sostenere Soccorso Clown la soddisfazione è ancora più grande; ho vissuto l’evento in modo particolare, con più impegno, perché ho scalato in solitaria essendo l’unico italiano, ed è stata un’occasione per stare più a contatto con gli amici di Soccorso Clown e sentire dalle loro voci le esperienze che vivono ogni giorno coi bambini nei reparti ospedalieri; speriamo che l’hanno prossimo questa mia presenza sia corroborata da quella di tanti altri amici scalatori, colleghi, chiunque voglia unire la passione per la bici alla possibilità di donare sorrisi”. Grande l’entusiasmo dei partecipanti che con cuore e passione hanno sostenuto il lavoro dei nostri Soccorso Clown, la prima impresa sociale senza scopo di lucro formata da professionisti dello spettacolo, che 25 anni fa portò la clown-terapia in Italia dagli Stati Uniti d’America. Stelvio Challenge, quest’anno Cancano Challenge, è un evento che si rinnova ogni anno. La partenza ha avuto luogo alle ore 8 dalla piazza del Kuerc di Bormio, alla presenza di Andrea Maiolani direttore dell’Unione Sportiva Bormiese, Mario Zangrando presidente del settore Ciclismo Usb, l’assessore del Comune di Bormio Luigi Azzalini, Laura Schivalocchi della Polizia Locale che per l’occasione ha scortato in tutta sicurezza i tanti ciclisti per circa quattro km fino al bivio con la strada che sale ai laghi Cancano. A tutti una targa di riconoscimento da parte degli organizzatori. Yury Olshansky e Caterina Turi ringraziano tutti coloro che hanno reso fattibile questo sogno: i sindaci del Comune di Bormio e del Comune di Valdidentro nelle persone di Roberto Volpato e Massimiliano Trabucchi che hanno dato il permesso in due giorni di deviare il nostro percorso su una altrettanto valida alternativa, Mauro Bassi di Bormio Terme per la sala dove giovedì 5 settembre si sono svolti lo spettacolo di Soccorso Clown “Mon ami chapeau” di e con la bravissima Vanessa Crespina, e la presentazione dei progetti di Soccorso Clown e Cladding Patners, seguita dall’aperitivo; lo staff dell’Unione Sportiva Bormiese capitanato da Andrea Maiolani (e il dj Fausto Molinari) che oltre a prendersi cura della momento della partenza e a posizionare due wc mobili sul percorso gara, hanno allestito la festa finale al bar del Pentagono, i volontari dell’Arciconfraternita della Misericordia di Prato, amici di lunga data tecnicamente preparati, sempre disponibili a presidiare la gara con la loro ambulanza, il Parco Nazionale dello Stelvio. Il ricavato della Stelvio/Cancano Challenge di quest’anno, ha permesso finanziare il lavoro dei Soccorso Clown presso la Casa Pediatrica dell’Ospedale Fatebenefratelli di Milano, dove i Clown Ospedalieri – molto apprezzati per serietà professionale dal primario Luca Bernardo – lavorano a fianco dei genitori e dello staff medico nei momenti più difficili vissuti dai bambini prima e dopo un intervento, coadiuvando il lavoro degli anestesisti, accompagnandoli in sala operatoria e garantendo il servizio di clown terapia ai bambini ricoverati. “Abbiamo bisogno di stare là ogni giorno, dice Yury Olshansky, e grazie al risultato della Stelvio/Cancano Challenge potenzieremo il nostro operato. Il Clown Ospedaliero, ricorda Yury, è diventata una figura imprescindibile degli interventi di sostegno psicologico anche negli ospedali italiani; ogni anno ci prendiamo cura di 40 mila bambini e dei loro genitori. Chiediamo ai tutti di continuare a sostenere Soccorso Clown che oggi opera anche presso l’ospedale Meyer di Firenze, il Bambini Gesù – il Policlinico Umberto I° e l’ospedale Gemelli di Roma, l’Ospedale di Prato e di Siena”. 

Inoltre quest’anno Soccorso Clown insieme alla Fondazione Spazio Reale di cui fa parte, grazie anche alla società di consulenza di progettazione europea Euro Project Lab, si è aggiudicato il progetto Erasmus + “Health Care Clown Pathways”,un partenariato strategico a supporto dell’innovazione nel settore dell’istruzione e della formazione professionale. Progetto approvato con il punteggio di 91/100 per un finanziamento pari a 299.743 euro. Un risultato eccellente se si pensa che le candidature pervenute sono state 192 e che solo 26 progetti per l’innovazione sono stati ammessi. 

Per saperne di più:
Stelvio Challenge 2019

Stelvio Challenge 2019 – Comunicato stampa

Sarà la salita sui tornanti della strada panoramica che porta ai Laghi di Cancano con la coreografia mozzafiato delle Torri di Fraele in Comune di Valdidentro il nuovo palcoscenico per la Stelvio Challenge 2019 di quest’anno, prevista venerdì 6 settembre su un percorso differente, vista la chiusura dei passi Stelvio e Gavia a causa di frane. Tutto è pronto, dunque, per accogliere i 230 appassionati delle due ruote che affronteranno la gara ciclistica internazionale non competitiva di solidarietà, che quest’anno diventa una doppia sfida, che anche la montagna propone, e dunque ancora più importante. Non solo in termini di tracciato nuovo tutto da scoprire e scalare con energia e determinazione ed entusiasmo, ma soprattutto in termini di numeri, visto che dall’anno scorso è raddoppiata l’affluenza dei partecipanti che si mettono in gioco con cuore e passione per sostenere la causa e la missione di Soccorso Clown e PIM Foundation che si occupa di bambini e ragazzi diversamente abili con complicate e serie malattie. Vi ricordate chi sono i nostri Soccorso Clown? . Sono professionisti dello spettacolo con grande potenziale umano che intervengono ad accompagnare i bambini in sala operatoria presso la Casa Pediatrica dell’Ospedale Fatebenefratelli di Milano, collaborando con gli anestesisti e lo staff ospedaliero prima e dopo l’anestesia.

La manifestazione Stelvio Challenge è da anni sostenuta dal Comune di Bormio, dalla polizia locale di Bormio, dal Parco Nazionale dello Stelvio e coinvolge anche l’USB Unione Sportiva Bormiese, Bormio Terme e l’Arciconfraternita della Misericordia di Prato che mette a disposizione un’ambulanza lungo tutta la gara grazie a suoi volontari; l’organizzazione di quest’anno è duplice, si mettono in gioco Cladding Partners e Soccorso Clown cui si unisce lo testimonial storico Luca Panichi, che non si arrende mai, e i nuovi partecipanti Olandesi, Italiani e Internazionali. Quest’anno accogliamo con piacere il sostegno del Comune di Valdidentro che ha messo a disposizione il nuovo tracciato consentendo di realizzare la manifestazione altrimenti impossibilitata a causa della chiusura del passo dello Stelvio, in particolare al sindaco Massimiliano Trabucchi i nostri fervidi ringraziamenti.
Così Luca Panichi. “La scalata di venerdì 6 settembre è per favorire le scalate di vita di quei ragazzi che devono affrontare sfide importanti per la propria prospettiva di vita, dunque c’è parallelismo: ogni sfida per la propria vita deve essere affrontata con il massimo della determinazione e il sorriso interiore, quello che il Soccorso Clown cerca di suscitare nel suo intervento nei vari reparti pediatrici”.
” Superare le sfide per noi non è una novità, le incontriamo ogni giorno lavorando in ospedale, per vincere la salute dei nostri bambini ” dicono Caterina Turi e Yury Olshansky fondatori di Soccorso Clown organizzatori del Stelvio Challenge da parte d’Italia. Ma insieme ce la potremo fare! Abbiamo accanto a noi persone meravigliose. I partecipanti, le Istituzioni locale, tutti hanno mostrano tanta solidarietà.
Il programma prevede la partenza della gara il 6 settembre mattina da piazza Cavour (del Kuerk) alle ore 8.
Il programma prevede: giovedì 5 pomeriggio nella sala di Bormio Terme il ritrovo per ritirare il pacco gara e assistere alla presentazione delle attività di Soccorso Clown; a seguire un breve spettacolo della Soccorso Clown Vanessa Crespina “Mon ami chapeau”. Infine tutti insieme faremo un brindisi nell’attesa di pedalare il giorno dopo
Venerdì 6 settembre ore 7.45 il consueto ritrovo in piazza del Kuerc a Bormio dove è stato montato l’arco gonfiabile dai volontari dell’Unione Sportiva Bormiese, con il saluto delle autorità, la partenza alle ore 8 verso via Monte Braulio scortati dalla macchina della Polizia locale di Bormio fino al Bivio con la strada dello Stelvio e il limite del confine col Comune di Valdidentro; il gruppo poi prosegue per circa 2 km sulla statale del Foscagno fino alla frazione di Fior D’Alpe sovrastata da una bella chiesina, dopo la quale sulla destra si prende il bivio per Cancano segnalato da cartelli.
Lunghezza del percorso 13. Km, dislivello 660 metri, pendenza media da 6.0 % a 9.0% .
Venerdì sera al Bar Pentagono della Cittadella dello Sport di via Manzoni dalle ore 19.00 festa grande per rivivere i fantastici momenti trascorsi insieme e seminare progetti per il futuro.
“Siamo tutti pronti a regalare sorrisi ai bambini ricoverati e a passare una bellissima giornata in amicizia”.

Per saperne di più:

Il Clown dentro di Te

9 e 10 marzo 2019
Dalle ore 11 alle ore 18

Circolo il Progresso
via Vittorio Emanuele n 135, Firenze

Alla scoperta della creatività che è in noi

Laboratorio intensivo condotto da

Vladimir Olshansky

Programma

  • Scoprire le sorgenti della creatività
  •  Ego
  • I 4 centri del corpo umano
  • Origine della improvvisazione e il suo utilizzo
  • Uso dell’impulso
  • Uso della commedia fisica: il linguaggio del corpo e le emozioni

Informazioni generali

2 incontri per un totale di 12 ore
Minimo 10 persone
Costo: 120 euro

Iscrizioni entro il 28 febbraio 2019
mail formazione@soccorsoclown.it
cell. 3392853434

Vladimir Olshansky

laureato alla Scuola Nazionale del Circo e Teatro di Varietà di Mosca,

Guest Artist Clown del Cirque du Soleil.

Ruolo principale in “Slava Snow Show” di Slava POLUNIN Direttore Artistico di Soccorso Clown

“Clown-Therapy” Seminario per infermieri

Quella di quest’anno è stata la 5 edizione del Seminario “Clown-Therapy”, ideato dal nostro Direttore Yury Olshansky per gli studenti del Master in Infermieristica Pediatrica dell’Università degli studi di Firenze. Come ogni anno abbiamo condiviso con gli studenti alcune delle nostre tecniche di lavoro, ma ci siamo anche molto divertiti! 
Questo articolo è stato pubblicato in News il 16/12/2019 da .

“Un sorriso per gli anziani” al Gemelli di Roma

GESTIONE DELLE DEMENZE AL POLICLINICO GEMELLI “UN SORRISO PER GLI ANZIANI” PER AIUTARE I PAZIENTI AD INCRINARE IL MURO DELLO SMARRIMENTO.

UNA ‘TERAPIA’ SPONTANEA MA NON IMPROVVISATA DOVE LE MEDICINE SI CHIAMANO EMOZIONI E SENTIMENTI. FONDAMENTALI I ‘DOSAGGI’ AFFINCHÉ LE PERSONE SI SENTANO ACCOLTE E CONFORTATE.

I MEDICI VOLONTARI DI ‘SORRISI GEMELLI’ AL FIANCO DEI PROFESSIONISTI DELLA CLOWNTERAPIA DI SOCCORSO CLOWN: UN PERCORSO CONDIVISO PER PARLARE ALLE PERSONE ANCHE SENZA USARE LE PAROLE E COMPRENDERE MEGLIO I BISOGNI DEI PAZIENTI.

Un sorriso per incrinare il muro della solitudine, della paura e del disorientamento che l’insorgere di diverse forme di demenza innalza intorno alle persone anziane. Ma a volte, per ‘ingannare’ questo nemico così crudele, basta una canzone, una carezza, un naso rosso, un gioco di prestigio. Basta la magia della comunicazione non verbale -fatta di emozioni, di sentimenti, di parole non dette-  per riportare al centro quella persona che la malattia cerca di nascondere, di sfumare, quasi di cancellare. Lo sanno bene i clown con i loro vestiti improbabili, con la malinconia che sanno trasformare in allegria, con la capacità di parlare senza necessariamente usare le parole. E lo sanno bene i medici e gli infermieri, consapevoli dell’importanza di coniugare un approccio clinico e uno più squisitamente umano. E’ proprio per questo che medici e clown si sono messi in gioco, facendo incontrare e dialogare le proprie rispettive professionalità nel progetto “Un sorriso per gli anziani”, realizzato grazie al contributo non condizionato di MSD Italia, per regalare un sorriso alle persone che vivono quotidianamente a contatto con la demenza (malati e caregiver), ma anche per contribuire ad aumentare il livello di consapevolezza sociale nei confronti di una patologia così importante e che ancora oggi viene spesso sottovalutata. Un progetto che è diventato anche un video dove la forza della terapia del sorriso emerge da ogni piccolo dettaglio e che si può vedere sul canale YouTube di Soccorso Clown.

La demenza (di cui l’Alzheimer è la causa più comune – 50-60% di tutti i casi), solo in Italia colpisce 1.241.000 persone e comporta l’alterazione progressiva di alcune funzioni (memoria, pensiero, ragionamento, linguaggio, orientamento), interferendo con le normali attività quotidiane e determinando un progressivo deterioramento della personalità e della vita di relazione.

Tuttavia, è importante tenere a mente che chi è affetto da demenza è una persona prima di essere un malato. Proprio a partire da  questo presupposto, la ‘terapia del sorriso’ è entrata a far parte del ‘protocollo’ di alcuni reparti del Centro di Medicina dell’Invecchiamento (CEMI) del Policlinico Universitario A.Gemelli di Roma, come spiega il geriatra Professor Francesco Landi, Direttore della UOC di Riabilitazione e Medicina Fisica: «Un sorriso può fare molto per i pazienti con Alzheimer o con qualunque altra forma di demenza  perché aiuta a rilassarsi, a recuperare quel rapporto umano che spesso la malattia tende a cancellare. La ‘clownterapia’ nasce per i bambini e la sfida con gli anziani è ancora più difficile: perché spesso sono diffidenti, impauriti, disorientati persino meno disposti alla risata. Bisogna saper dosare l’intervento affinché si sentano coinvolti e confortati. Ma è indubbio che la terapia del sorriso è da considerarsi una terapia non farmacologica in grado di alleviare alcuni sintomi. E aiutare il paziente a recuperare dei punti di riferimento, sentirsi ‘vivo’, ‘attivo’. E’ un beneficio sensoriale e uno stimolo positivo. Ovviamente il tutto va saputo dosare: per questo i volontari di ‘Sorrisi Gemelli Onlus’, che sono studenti e specializzandi della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università Cattolica, sono stati felici di aver avuto l’opportunità di apprendere le tecniche professionali di Soccorso Clown. Perché non basta mettersi un naso rosso per saper aiutare un paziente».

Un sorriso stimola, attraverso dei meccanismi biologici, l’emotività, la capacità di socializzare e aiuta a rilassarsi. Un sorriso aiuta il paziente ma anche chi lo assiste. Spesso il caregiver è altamente stressato, altre volte vive con frustrazione il senso di impossibilità a comunicare con il parente che si sente ormai perso.

«Tutto inizia bussando alla porta e chiedendo permesso – spiega Yury Olshansky fondatore di Soccorso Clown Onlus insieme a Caterina Turi e Vladimir Olshansky – perché il rispetto è al primo posto, sempre. Soprattutto nel caso di un paziente fragile come un anziano con demenza. E poi è improvvisazione sul momento, perché le persone non sono tutte uguali, non reagiscono tutte allo stesso modo e bisogna saper toccare le giuste corde del cuore, portando, con competenza e professionalità, nelle corsie degli ospedali l’arte della gioia».

«Il linguaggio non verbale con questi pazienti è una lezione fondamentale da imparare, per noi operatori ma anche per i parenti – continua Rossella Liperoti dell’Unità Valutativa Alzheimer del Policlinico Gemelli – perché spesso si dimentica che non ci riconoscono, che sono smarriti, spaventati. L’esperienza di chi fa clownterapia con professionalità è stata messa al servizio dei pazienti, ma anche di noi medici e dei familiari. Perché questo tipo di comunicazione non verbale raggiunge corde altrimenti impossibili da toccare. E ci mette tutti nelle condizioni di poter al meglio assistere l’anziano con demenza».

Oggi sono circa 50 milioni le persone affette da una forma di demenza in tutto il mondo, e ogni 3 secondi si registra un nuovo caso. Proprio quest’anno l’OMS – a testimonianza della rilevanza socio-sanitaria ed economica della malattia – ha adottato il Piano Globale di Azione sulla Risposta di Salute Pubblica alla Demenza 2017-2025, che invita i Governi a raggiungere precisi obiettivi sul fronte di una maggiore consapevolezza della demenza, della riduzione dei rischi, della diagnosi e dell’assistenza, del supporto ai famigliari, ai caregiver, della ricerca.

«Promuovere iniziative di sensibilizzazione per elevare il livello di attenzione alle demenze costituisce un imprescindibile imperativo etico e di responsabilità sociale – sottolinea Nicoletta Luppi, Presidente e Amministratore Delegato di MSD Italia. MSD, da oltre dieci anni impegnata nella ricerca di potenziali nuovi approcci terapeutici in questa area, è stata felice e orgogliosa di sostenere un progetto che, attraverso l’incontro di medici e clown professionisti, ha potuto regalare un sorriso a chi quotidianamente si trova a dover fare i conti con la demenza (malati e caregiver), fornendo inoltre alle Persone che ne sono affette un piccolo contributo al miglioramento della qualità dell’assistenza».

Questo articolo è stato pubblicato in Eventi, News il 16/12/2019 da .

5×1000= … Conta

Dai laboratori fantascientifici di Soccorso Clown Onlus abbiamo creato l’unico virus benefico, IL VIRUS DEL SORRISO.

Lasciati contagiare!

dedicaci il tuo 5×1000, donerai un sorriso ai bambini nei reparti pediatrici.
Basta questo numero 01805280979 e la tua firma sulla dichiarazione dei redditi.
Grazie!

Guarda tutta la serie qui!

5×1000= … La tabellina

Dai laboratori fantascientifici di Soccorso Clown Onlus abbiamo creato l’unico virus benefico, IL VIRUS DEL SORRISO.

Lasciati contagiare!

dedicaci il tuo 5×1000, donerai un sorriso ai bambini nei reparti pediatrici.
Basta questo numero 01805280979 e la tua firma sulla dichiarazione dei redditi.
Grazie!
…To be continued…

 

Vi daremo una pillola a settimana, guardale tutte:

https://www.youtube.com/watch?v=EX_rus1Jpms

5×1000= … Dammi il 5!

È iniziata la campagna per il 5×1000 di Soccorso Clown!

Dai laboratori fantascientifici di Soccorso Clown Onlus abbiamo creato l’unico virus benefico, IL VIRUS DEL SORRISO.

Lo abbiamo testato sui nostri Clown Ospedalieri e questo è il primo di una serie di sketch video dove vengono dimostrati i suoi effetti benefici.
Lasciati contagiare, dedicaci il tuo 5×1000, donerai un sorriso ai bambini nei reparti pediatrici.
Basta questo numero 01805280979 e la tua firma sulla dichiarazione dei redditi.
Grazie!
…To be continued…

Vi daremo una pillola a settimana, ecco la prima:

https://www.youtube.com/watch?v=EX_rus1Jpms

Storie dalla corsia

di Martina Consoloni
in arte Dottoressa Ghigola

La dottoressa Ghigola e Umberto, il suo topo, si sono svegliati presto stamattina. Hanno un grosso impegno: devono andare in ospedale.

“Dove sono le scarpe, e i calzini, dove sono i calzini? Umbertooo aiutamiii”

Dopo mille peripezie, eccoli finalmente in ospedale. La dottoressa Ghigola imbraccia il suo chitarrino, mette su il cappello e insieme ai suoi colleghi, il Dottor Lesso e Umberto, inizia a far visita ai piccoli pazienti.

Continua a leggere