Archivi per categoria: News

“Un sorriso per gli anziani” al Gemelli di Roma

GESTIONE DELLE DEMENZE AL POLICLINICO GEMELLI “UN SORRISO PER GLI ANZIANI” PER AIUTARE I PAZIENTI AD INCRINARE IL MURO DELLO SMARRIMENTO.

UNA ‘TERAPIA’ SPONTANEA MA NON IMPROVVISATA DOVE LE MEDICINE SI CHIAMANO EMOZIONI E SENTIMENTI. FONDAMENTALI I ‘DOSAGGI’ AFFINCHÉ LE PERSONE SI SENTANO ACCOLTE E CONFORTATE.

I MEDICI VOLONTARI DI ‘SORRISI GEMELLI’ AL FIANCO DEI PROFESSIONISTI DELLA CLOWNTERAPIA DI SOCCORSO CLOWN: UN PERCORSO CONDIVISO PER PARLARE ALLE PERSONE ANCHE SENZA USARE LE PAROLE E COMPRENDERE MEGLIO I BISOGNI DEI PAZIENTI.

Un sorriso per incrinare il muro della solitudine, della paura e del disorientamento che l’insorgere di diverse forme di demenza innalza intorno alle persone anziane. Ma a volte, per ‘ingannare’ questo nemico così crudele, basta una canzone, una carezza, un naso rosso, un gioco di prestigio. Basta la magia della comunicazione non verbale -fatta di emozioni, di sentimenti, di parole non dette-  per riportare al centro quella persona che la malattia cerca di nascondere, di sfumare, quasi di cancellare. Lo sanno bene i clown con i loro vestiti improbabili, con la malinconia che sanno trasformare in allegria, con la capacità di parlare senza necessariamente usare le parole. E lo sanno bene i medici e gli infermieri, consapevoli dell’importanza di coniugare un approccio clinico e uno più squisitamente umano. E’ proprio per questo che medici e clown si sono messi in gioco, facendo incontrare e dialogare le proprie rispettive professionalità nel progetto “Un sorriso per gli anziani”, realizzato grazie al contributo non condizionato di MSD Italia, per regalare un sorriso alle persone che vivono quotidianamente a contatto con la demenza (malati e caregiver), ma anche per contribuire ad aumentare il livello di consapevolezza sociale nei confronti di una patologia così importante e che ancora oggi viene spesso sottovalutata. Un progetto che è diventato anche un video dove la forza della terapia del sorriso emerge da ogni piccolo dettaglio e che si può vedere sul canale YouTube di Soccorso Clown.

La demenza (di cui l’Alzheimer è la causa più comune – 50-60% di tutti i casi), solo in Italia colpisce 1.241.000 persone e comporta l’alterazione progressiva di alcune funzioni (memoria, pensiero, ragionamento, linguaggio, orientamento), interferendo con le normali attività quotidiane e determinando un progressivo deterioramento della personalità e della vita di relazione.

Tuttavia, è importante tenere a mente che chi è affetto da demenza è una persona prima di essere un malato. Proprio a partire da  questo presupposto, la ‘terapia del sorriso’ è entrata a far parte del ‘protocollo’ di alcuni reparti del Centro di Medicina dell’Invecchiamento (CEMI) del Policlinico Universitario A.Gemelli di Roma, come spiega il geriatra Professor Francesco Landi, Direttore della UOC di Riabilitazione e Medicina Fisica: «Un sorriso può fare molto per i pazienti con Alzheimer o con qualunque altra forma di demenza  perché aiuta a rilassarsi, a recuperare quel rapporto umano che spesso la malattia tende a cancellare. La ‘clownterapia’ nasce per i bambini e la sfida con gli anziani è ancora più difficile: perché spesso sono diffidenti, impauriti, disorientati persino meno disposti alla risata. Bisogna saper dosare l’intervento affinché si sentano coinvolti e confortati. Ma è indubbio che la terapia del sorriso è da considerarsi una terapia non farmacologica in grado di alleviare alcuni sintomi. E aiutare il paziente a recuperare dei punti di riferimento, sentirsi ‘vivo’, ‘attivo’. E’ un beneficio sensoriale e uno stimolo positivo. Ovviamente il tutto va saputo dosare: per questo i volontari di ‘Sorrisi Gemelli Onlus’, che sono studenti e specializzandi della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università Cattolica, sono stati felici di aver avuto l’opportunità di apprendere le tecniche professionali di Soccorso Clown. Perché non basta mettersi un naso rosso per saper aiutare un paziente».

Un sorriso stimola, attraverso dei meccanismi biologici, l’emotività, la capacità di socializzare e aiuta a rilassarsi. Un sorriso aiuta il paziente ma anche chi lo assiste. Spesso il caregiver è altamente stressato, altre volte vive con frustrazione il senso di impossibilità a comunicare con il parente che si sente ormai perso.

«Tutto inizia bussando alla porta e chiedendo permesso – spiega Yury Olshansky fondatore di Soccorso Clown Onlus insieme a Caterina Turi e Vladimir Olshansky – perché il rispetto è al primo posto, sempre. Soprattutto nel caso di un paziente fragile come un anziano con demenza. E poi è improvvisazione sul momento, perché le persone non sono tutte uguali, non reagiscono tutte allo stesso modo e bisogna saper toccare le giuste corde del cuore, portando, con competenza e professionalità, nelle corsie degli ospedali l’arte della gioia».

«Il linguaggio non verbale con questi pazienti è una lezione fondamentale da imparare, per noi operatori ma anche per i parenti – continua Rossella Liperoti dell’Unità Valutativa Alzheimer del Policlinico Gemelli – perché spesso si dimentica che non ci riconoscono, che sono smarriti, spaventati. L’esperienza di chi fa clownterapia con professionalità è stata messa al servizio dei pazienti, ma anche di noi medici e dei familiari. Perché questo tipo di comunicazione non verbale raggiunge corde altrimenti impossibili da toccare. E ci mette tutti nelle condizioni di poter al meglio assistere l’anziano con demenza».

Oggi sono circa 50 milioni le persone affette da una forma di demenza in tutto il mondo, e ogni 3 secondi si registra un nuovo caso. Proprio quest’anno l’OMS – a testimonianza della rilevanza socio-sanitaria ed economica della malattia – ha adottato il Piano Globale di Azione sulla Risposta di Salute Pubblica alla Demenza 2017-2025, che invita i Governi a raggiungere precisi obiettivi sul fronte di una maggiore consapevolezza della demenza, della riduzione dei rischi, della diagnosi e dell’assistenza, del supporto ai famigliari, ai caregiver, della ricerca.

«Promuovere iniziative di sensibilizzazione per elevare il livello di attenzione alle demenze costituisce un imprescindibile imperativo etico e di responsabilità sociale – sottolinea Nicoletta Luppi, Presidente e Amministratore Delegato di MSD Italia. MSD, da oltre dieci anni impegnata nella ricerca di potenziali nuovi approcci terapeutici in questa area, è stata felice e orgogliosa di sostenere un progetto che, attraverso l’incontro di medici e clown professionisti, ha potuto regalare un sorriso a chi quotidianamente si trova a dover fare i conti con la demenza (malati e caregiver), fornendo inoltre alle Persone che ne sono affette un piccolo contributo al miglioramento della qualità dell’assistenza».

Questo articolo è stato pubblicato in Eventi, News il 18/10/2017 da .

Insolitolibro al fianco di Soccorso Clown

Parte quest’anno per la prima volta una collaborazione tra Insolitolibro e Soccorso Clown Onlus.

La casa editrice Insolitolibro, nata nel 2004, da subito dopo la sua fondazione ha deciso di dedicare una parte delle proprie attività al sostegno delle associazioni impegnate nell’assistenza ai bambini in difficoltà.

Per questo, ha creato nel 2006 l’iniziativa “Un libro per sorridere”, iniziativa che quest’anno coinvolgerà per la prima volta anche Soccorso Clown Onlus con lo scopo di creare un piacevole momento di incontro tra lettura e solidarietà. La casa editrice presenterà i proprio libri nelle scuole dell’infanzia, elementari e delle medie della Toscana, affiancando il proprio marchio a quello della onlus: con l’acquisto delle letture consigliate nell’opuscolo che sarà distribuito nelle scuole coinvolte, le famiglie aiuteranno Insolitolibro a sostenere la missione di Soccorso Clown Onlus in corsia.

 

Il contributo che arriverà da questa collaborazione verrà destinato ai progetti negli ospedali della Toscana dove, da ormai vent’anni, i Soccorso-Clown portano magia e sorrisi ai bambini e alle famiglie che affrontano la paura e la sofferenza della degenza.

 

Grazie a Insolitolibro per aver deciso di affiancarci e grazie da parte di tutti i piccoli pazienti che potremo visitare per merito di “Un libro per sorridere”!

 

Per maggiori informazioni, potete visitare il sito: www.insolitolibro.it/

 

Per scoprire altri modi per sostenere Soccorso Clown Onlus, visita la pagina Sostienici

 

Neve e sorrisi per lo Stelvio Challenge 2017

Nemmeno il freddo e la bufera di neve che hanno caratterizzato la salita verso il Passo dello Stelvio hanno potuto fermare la solidarietà di oltre 150 ciclisti che in bici, MTB, a piedi, hanno dato vita ad una decima edizione da record della Stelvio Challenge 2017, la “sfida del sorriso'”svoltasi a Bormio il 30 giugno, con il patrocinio del Comune di Bormio e della Federazione Ciclistica Italiana e realizzata con il contributo di Bormio Terme, dell’Unione Sportiva Bormiese, del Parco Nazionale dello Stelvio e con il sostegno di importanti sponsor, del calibro di MSD Italia e Naturasì-Cuore Bio, e di partner tecnici come i Bagni di Bormio e il Florence By Bike.

L’evento ha permesso di raccogliere circa 25mila euro da investire nei progetto di clown terapia per i bambini ricoverati al Policlinico Umberto I di Roma.

La partenza dalla piazza del Kuerc di Bormio alle 8 di mattina del 30 giugno é stata alquanto suggestiva e caratterizzata da un entusiasmo fuori dal comune, generato soprattutto dall’obbiettivo finale di cui tutti erano ben consapevoli: regalare sorrisi, perché la risata é una specie di medicina, la più bella. Il benvenuto del sindaco Roberto Volpato in sella all’immancabile bicicletta, é stato di buon auspicio. Con lui hanno regalato sorrisi e collaborazione Andrea Maiolani e i volontari dell’Unione Sportiva Bormiese e Morena Vitalini comandante della Polizia Locale. L’intero percorso di salita allo Stelvio della Stelvio Challenge era caratterizzato da tre punti di ristoro, su un totale di 23 km spalmati su 49 tornanti, con una pendenza del 7,1%, e ben monitorato da due auto per ogni evenienza e dagli uomini dell’ambulanza della Misericordia di Prato, sostenitrice immancabile della sfida.

Grazie alle iscrizioni dei partecipanti e alla raccolta sulla piattaforma Rete del Dono, Soccorso Clown potrà crescere ancora e potenziare la rete di clown ospedalieri.

L’ispirazione della gara Stelvio Challenge, per i ciclisti e per Soccorso Clown é stato l’atleta ‘eroe’ Luca Panichi, che ha percorso 12 km in 5 ore e 45 minuti, un tempo di tutto rispetto, con ritmo costante e grande entusiasmo sempre. Per lui a bordo della sua carrozzina monoscocca, le braccia sono le ruote. Panichi ha avuto una grande spinta interiore.

“Se hai un sogno puoi raggiungerlo. E’ stata un’edizione gratificante ancora di più viste le condizioni atmosferiche che hanno fatto apprezzare ai partecipanti la gara, anche per il gusto di metterci il meglio di se stessi; e questo é il messaggio: quando si può fare qualcosa per gli altri spesso siamo ancora più bravi ad allargare la possibilità di condivisione unione e miglioramento delle condizioni di vita di chi soffre. L’importante é credere nelle cose che si fanno con il giusto significato, allora quando tutti siamo protagonisti delle nostre passioni siamo vincenti a prescindere. Il senso di gratitudine della fatica l’ho percepito nei volti dei ciclisti che scendevano dallo Stelvio a vetta raggiunta, contenti di aver fatto la fatica. Soccorso Clown é una realtà che ti permette di vivere il senso dell’amicizia anche nella prospettiva di dono verso l’altro, cosa che ti gratifica, ti consente dentro una comunità di lasciare una traccia positiva utile per fare rete; il messaggio positivo di Soccorso Clown nella sua azione quotidiana é fortissimo perché interviene su realtà dove le difficoltà sono amplificate, dove mancano le prospettive e gli orizzonti, e allora il valore della sua attività assume maggiore rilevanza. Il mio messaggio per i giovani? Le fatiche e le situazioni di difficoltà non sono mai un sacrificio ma fanno parte della vita, importante é come le si affronta, quando prevale il senso della passione e la bellezza del farlo insieme agli altri.”

Alla festa della sera all’Hotel Nevada, con musica e premiazioni, c’erano tutti, anche i nostri Dottor Din Don e Dottoressa Molletta, straordinari protagonisti dello spettacolo del 29 giugno alle Terme di Bormio “La giornata degli Schiocchi”. Commenta Yury Olshansky nel ringraziare tutti i partecipanti.

“Bormio é stata fantastica come sempre, la comunità intera ci ha dato totale appoggio; abbiamo trovato gente molto solidale. In questa decima edizione dello Stelvio Challenge siamo arrivati ancora più in alto dei 2760 m della Montagna dello Stelvio, insieme ce la possiamo sempre fare”.

L’appuntamento è all’edizione 2018, a venerdì 29 giugno.

Per vedere le foto più belle dell’edizione, visita l’album sulla nostra pagina Facebook!

Soccorso Clown porta la magia in corsia anche grazie ad UniCredit

Grazie ai contributi raccolti con Carta Etica, la speciale carta di credito che, senza alcun costo aggiuntivo per il titolare, devolve il 2 per mille di ogni spesa effettuata per iniziative sociali

Nella nostra piccola grande sede si è svolta oggi la cerimonia di consegna dei materiali funzionali alla nostra attività che abbiamo acquistato con il contributo di UniCredit.

L’intervento di UniCredit è stato realizzato grazie ai fondi raccolti nel 2016 da UniCredit Card Flexia Carta Etica, la carta di credito flessibile che, senza alcun costo aggiuntivo per il cliente, permette di contribuire a iniziative solidali ad ogni utilizzo. Grazie al suo particolare meccanismo, una percentuale di ogni spesa effettuata con la carta (il 2 per 1000) va ad alimentare un fondo di beneficenza, il Fondo Carta Etica, che in oltre dieci anni ha permesso ad UniCredit di sostenere oltre 400 iniziative benefiche per un totale di 14 milioni di Euro.

 

La donazione di 5.000 euro ha contribuito all’acquisto di attrezzature tecnologiche (come computer, macchina fotografica e videoproiettore) e nuovi kit di magia e giocoleria che permetteranno ai Clown e allo staff di svolgere le loro attività al meglio.

Unicredit

Alla cerimonia erano presenti la Direttrice Amministrativa e Fondatrice di Soccorso Clown Onlus, Caterina Turi, la responsabile della raccolta fondi, Ilaria Piras, il Vice Area Manager di UniCredit Ilaria Consigli, il  direttore dell’Agenzia UniCredit di Poggio a Caiano, Alessandro Vanni.

 

“In un momento di situazione economica difficile – spiega la Direttrice Caterina – in cui anche le cooperative che operano nel terzo settore hanno difficoltà nel reperire fondi, beneficiare di un contributo per l’acquisto di materiali a supporto delle attività di sostegno degli assistiti, è una circostanza particolarmente significativa di valore aggiunto che contribuisce da un lato a dare risposta concreta ai bisogni della comunità locale, dall’altro è un segnale di vicinanza a chi ha bisogno in momenti difficili”.

 

«Da dieci anni i nostri clienti, utilizzando Carta Etica hanno contribuito a supportare progetti di utilità sociale in tutta Italia per oltre 14 milioni di euro. – ha ricordato Ilaria Consigli, di UniCredit – Grazie ai fondi messi a disposizione da UniCredit Card Flexia Carta Etica, possiamo individuare alcune tra le tematiche sociali più urgenti a cui destinare i fondi raccolti. Credo che la nostra vicinanza all’attività di Soccorso Clown confermi l’attenzione del nostro Gruppo alle esigenze delle fasce della popolazione più deboli e costituisca una concreta risposta alle esigenze del territorio».

Soccorso Clown al Donation Day dell’Ailo

L’American International League of Florence onlus a sostegno del nostro lavoro in ospedale

Ailo makes a difference!

Con questo spirito, da anni le volontarie provenienti da tutto il mondo dell’American International League of Florence si impegnano per raccogliere fondi da destinare ai progetti delle associazioni sul territorio fiorentino.

Donation Day

Il Donation Day è la giornata dedicata  agli enti scelti dall’Ailo per ricevere il contributo e l’edizione 2017 si è svolta giovedì 6 aprile al Palagio di Parte Guelfa. Alla presenza della Presidente Jocelyn Fitzgerald e all’Assessore al Welfare del Comune di Firenze Sara Funaro, ogni associazione ha presentato la propria missione, ringraziando l’Ailo e spiegando cosa verrà realizzato con il contributo. Dodici enti presenti, tra cui l’Associazione Italiana Sclerosi Laterale Amiotrofica, il Banco Alimentare della Toscana, il Centro Recupero Rapaci del Mugello, il Nido di Pippi e Soccorso Clown Onlus per cui ha parlato la Direttrice Amministrativa Caterina Turi.

 

Donation Day

 

L’Ailo ha già sostenuto Soccorso Clown Onlus e quest’anno ha deciso di destinarci 3000€ che saranno usati per acquistare nuovo materiale per il lavoro in ospedale: trenta camici per i Soccorso-Clown, strumenti musicali, pupazzi, burattini e materiale per il trucca-bimbi.

Circus Gran Galà, 28 aprile al Teatro Sistina

Didascalia Circus Gran Galà

 

Siete tutti invitati a Roma ad un evento speciale interamente dedicato a Soccorso Clown Onlus e ai suoi venti anni, il Circus Gran Galà.

Venti anni di magie, burattini, giocoleria, gag, improvvisazioni.
Venti anni di formazione, selezioni, prove e duro lavoro ma anche di amicizie, viaggi, sorrisi.
Venti anni al servizio dei bambini ricoverati in ospedale e di chi soffre accanto a loro, famiglie e staff ospedaliero.

A condurre la serata saranno Andrea Delogu e Roberto Ciufoli con la partecipazione di Gianfranco Monti e Claudio De Tommasi dei Sociopatici di Radio 2.
Sul palco un ensamble di Artisti di fama internazionale che hanno voluto sostenerci a titolo totalmente gratuito donando la loro arte per questa serata:
Vladimir Olshansky – fondatore e direttore artistico di Soccorso Clown, Artista del Cirque du Soleil
Bustric – clown e fantasista, storico sostenitore di SC
Disguido – coppia di attori ed illusionisti vincitori del Campionato Europeo di Magia (FISM) 2017 nella categoria Comedy Magic
Solipsus – duo di Trampolieri acrobatici
Materivivaperformer aerei e docenti dell’Accademia di arti performative Materiaviva
Scannamago – ideatore e direttore artistico della serata, membro di SC e detentore del Guinness World Record come Uomo Palloncino
Miss Tip – ideatrice e direttrice artistica della serata, membro di SC e performer della Compagnia Endaxi
Gigi Capone – giocoliere e fantasista
Mago Gigi Speciale – Mago comico
Light Man – uno dei due unici esecutori in Italia di questo numero
Miri Mimmi ed Ivan – specialisti in Bolle di Magia
Mago Novas – specialista in magia manipolatoria
David – performer aereo
Naufragarmedolce – membri SC e Compagnia teatrale
Compagnia Marcello – Compagnia di Danza di Gea Stramacci

 

Non mancheranno i Soccorso-Clown di Roma e Firenze che si esibiranno in preshow a partire dalle 20:30 e per tutto il corso del Gran Galà.

Tutto l’incasso della serata sarà devoluto a sostegno delle attività e dei progetti di Soccorso Clown negli ospedali italiani al fianco dei bambini ricoverati e delle loro famiglie.

Vi aspettiamo numerosi per divertirci insieme, ma soprattutto per diventare parte di quegli Angeli che ci aiutano a portare un sorriso in più a chi è meno fortunato di noi perché, come non ci stancheremo mai di ripetere, un giorno senza sorrisi è veramente un giorno perso!
I biglietti per il Circus Gran Galà sono già disponibili. Potete acquistare:

  • POLTRONISSIMA Intero 30€/ Ridotto 25€
  • POLTRONA & I GALLERIA Intero 25€/ Ridotto 20€
  • II GALLERIA Intero 20€/Ridotto 15€
  • III GALLERIA Intero 15€
  • Bambini 4-12 anni €15 in ogni settore
    Ridotti validi per under 18, over 65 e Cral

Info, prenotazioni e ritiro:

1)direttamente al Botteghino del Teatro Sistina fino alla mattina del 28 Aprile
2) prenotazione e pagamento con carta di credito, ritiro al botteghino fino alla mattina del 28 Aprile
3) prenotazioni su Altrascena su Facebook con pagamento e ritiro al botteghino fino alla mattina del 28 aprile

Informazioni utili sul Teatro Sistina:
Via Sistina 129 – tel 06 4200711 – 392.8567896
(mar/sab dalle 10 alle 19; dom 11/19; lunedì chiuso)

 

Un ringraziamento speciale per la realizzazione di questo evento va a Jungle Eventi, Radio Grisù e al Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco.

 

Direzione Artistica: Laura Donzella, Paolo Scannavino, Vladimir Olshansky

Produzione: AltraScena

Regia Luci: Alessandro Albertazzi

Creatività: Everyday

Ufficio Stampa: Rocchina Ceglia

TRUFFE – come capire che vi stanno fregando

Oggi vogliamo mettervi di guardia da una delle ultime truffe in circolazione che chiama in causa anche Soccorso Clown Onlus.

A Roma, infatti, qualche giorno fa un ragazzo si è presentato come Daniele, stesso nome di uno dei nostri Soccorso-Clown, Daniele Guaragna, in arte il Dott. Questo; ha chiesto soldi dicendo che sarebbe andati a favore dei bambini malati negli ospedali. Ha raccontato molto del suo “lavoro”, con informazioni e dettagli che l’hanno reso credibile agli occhi dei gestori della parafarmacia convincendoli così a fare una donazione.

Ma quei soldi non sono mai andati ad un’associazione di clown terapia, né tantomeno ai bambini malati negli ospedali! La truffa è stata scoperta quando i gestori della parafarmacia hanno cercato i contatti online del Clown e si sono trovati a parlare con il nostro Dott. Questo.

Non è la prima volta che qualcuno si spaccia per un membro di associazioni e cooperative che seriamente si occupano di Clown Terapia (anche Vip Italia si trova spesso coinvolta in queste vicende, come potete leggere dall’articolo al seguente link: http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2007/07/06/la-beffa-di-patch-adams-il-pagliaccio.html ), per questo vogliamo darvi qualche punto fermo per poter distinguere le truffe dalle nostre vere richieste di donazione.

  • Soccorso Clown Onlus non manda i suoi Clown a fare richieste porta a porta: le nostre “uscite pubbliche” comprendono solitamente un banchino con gadget e segni di riconoscimento (bandiere, foto con logo) in piazze, nei teatri oppure nel corso di altri eventi a cui veniamo invitati;
  • Più in generale, Soccorso Clown non fa servizio porta a porta e non ha dialogatori che vi possano fermare per strada per chiedere donazioni singole o regolari tramite conto bancario;
  • I nostri Soccorso-Clown hanno il camice bianco con il logo sulla schiena, molti di loro hanno anche il nome cucito sulla manica;
  • Se volete fare una donazione ma avete dubbi su chi avete davanti, chiedete l’Iban del conto bancario o altri canali per fare il versamento e verificateli successivamente sulla pagina “Sostienici” di questo sito;
  • Non esitate a contattarci per essere sicuri di fare l’azione giusta: potete scriverci a funding@soccorsoclown.it o alla nostra pagina Facebook Soccorso Clown Onlus oppure chiamarci allo 055470305.

Scriviamo queste indicazioni perché possiate continuare a fare le donazioni in modo sereno, sicuri che il vostro contributo vada veramente a sostegno della causa che avete scelto!

Se avete delle domande o siete incappati in situazioni simili, non esitate a segnalarceli!

“Soccorso Clown Gran Varietà” vi aspetta a Roma

In occasione dei festeggiamenti dei 20 anni di Soccorso Clown Onlus, vi diamo appuntamento martedì 13 dicembre dalle 19.30 presso il Teatro Agorà di Roma con lo spettacolo “Soccorso Clown Gran Varietà” di Chiara Casarico, con la regia di Vladimir Olshansky e Chiara Casarico, e l’inaugurazione  della mostra del fotografo francese Patrick Gripe intitolata “20 Anni di Sorrisi con Soccorso Clown Onlus, l’arte del Teatro e del Circo per bambini e anziani in ospedale”.

 

Gran Varietà a Roma

 

Dopo l’edizione di Firenze, la Mostra si sposta nella Capitale con le foto che illustrano la nascita della Clown Terapia portata da New York in Italia da Soccorso Clown, il nostro primo corso di formazione ed il lavoro in ospedale. La mostra è realizzata con il patrocinio dell’Istituto Francese di Firenze.

 

Durante l’evento interverranno Vladimir e Yury Olshansky e Caterina Turi, fondatori di Soccorso Clown Onlus, Anna Cravero di Unicredit Foundation, Beatrice Stango di Unicredit e Chiara Casarico, capo clown al Policlinico Gemelli, dove dal 2014 è attivato il progetto innovativo “Azione Anziani” realizzato da Soccorso Clown Onlus in collaborazione con Unicredit Foundation.

La serata è a ingresso libero con un aperitivo offerto ai presenti e la possibilità di acquistare gadget targati Soccorso Clown Onlus.

 

Per info e prenotazioni, info@soccorsoclown.it o 3392853434

20 anni di Soccorso Clown ONLUS

banner 20 anni

 

GIOVEDI’ 29 SETTEMBRE 2016 ore 17
Auditorium di Palazzo Panciatichi, via Cavour 4 – Firenze

Soccorso Clown s.c.s Onlus, Consiglio Regionale della Toscana, Signatures, maison de photographes con il patrocinio dell’ Institut français Firenze Inaugurano la mostra

20 ANNI DI SORRISI CON SOCCORSO CLOWN.
L’ ARTE DEL TEATRO E DEL CIRCO PER BAMBINI E ANZIANI IN OSPEDALE.

Una mostra fotografica per rivivere l’arrivo della clownterapia in italia con gli scatti del fotografo Patrick Gripe.

SALUTO

EUGENIO GIANI
Presidente del Consiglio regionale della Toscana

INTERVENGONO

YURY e VLADIMIR OLSHANSKY, CATERINA TURI
Fondatori di Soccorso Clown

MARIO MESSINA
Direttore Chirurgia Pediatrica dell’Azienda Ospedaliera
Universitaria di Siena

LAURA VAGNOLI
Psicologia Pediatrica dell’Azienda Ospedaliero Universitaria
Meyer di Firenze

PASQUALE TULIMIERO
Presidente dell’Associazione Genitori Noi per Voi Onlus

MARIA PETRÀ TRECAS
Presidente della Sezione Femminile della Misericordia di Prato


A seguire la performance dei Soccorso Clown

A cura di VLADIMIR OLSHANSKY direttore artistico di Soccorso Clown Onlus

La mostra proseguirà fino al 10 ottobre con il seguente orario:
da lunedì a venerdì 10 – 12 e 15 – 19; sabato 10 -12

PER INFO:
info@soccorsoclown.it
Tel. 055 470305

“Biciclette contro il dolore” per Soccorso Clown

I Soccorso-Clown a Biciclette contro il dolore
In occasione di Biciclette contro il dolore, eccoci ad associare nuovamente bici e sorriso con la pedalata non competitiva andata in scena sabato 17 settembre: un percorso riservato principalmente  a medici, farmacisti e operatori sanitari per sensibilizzare sulla terapia del dolore. Giunto alla quarta edizione, in collaborazione con la Fondazione Isal, quest’anno Biciclette contro il dolore ha focalizzato l’attenzione sul dolore pediatrico e qui è entrato in gioco Soccorso Clown Onlus.

 

img_9611

Il Dott.Fresco e il Dott.Questo non si sono lasciati sfuggire l’occasione e, dopo l’esperienza dello Stelvio Challenge, hanno fatto compagnia ai ciclisti sia alla partenza che all’arrivo della pedalata; ma Soccorso Clown Onlus non era presente solo per fare animazione a Calestano.

Infatti la sfida più importante è scattata sulla pagina Facebook di Biciclette contro il dolore, una sfida a colpi di like: ogni 1000 like ricevuti sul post dedicato al progetto “Un Sorriso per chi soffre“, la società farmaceutica Grunenthal donerà una giornata di servizio di Soccorso Clown Onlus nei principali reparti pediatrici degli ospedali italiani.

Grazie all’entusiasmante risposta degli utenti, sono stati raggiunti e superati i 10.000 like e questo, grazie all’incondizionato sostengo da parte di Grunenthal Italia, permetterà a Soccorso Clown Onlus di prestare servizio per 10 giornate in altrettante strutture italiane, in particolare all’Hospice Pediatrico Casa del Bambino di Padova, primo ed unico hospice italiano dedicato esclusivamente ai bambini.